La figura del caregiver, cioè di colui che si prende cura di un parente malato e non autosufficiente, è centrale e indispensabile in molte famiglie. Spesso, però, il lavoro del caregiver è poco visibile e poco riconosciuto, così come sono poco considerati i rischi di stress e di burnout a cui va incontro che è assorbito per molte ore da pesanti attività di assistenza morale e materiale. Il Caregiver Day ha proprio l’obiettivo di sensibilizzare le autorità e l’opinione pubblica su queste delicate tematiche. L’edizione 2023 prevede un calendario ricco di appiuntamenti nel mese di maggio.

A qualcuno, il termine caregiver familiare dice poco. In realtà, questa figura è molto più diffusa della sua definizione ufficiale. Caregiver familiare, infatti, è colui che si prende cura di un parente o di una persona cara malata e non autosufficiente. Nell’esperienza di ciascuno, probabilmente sono tante le conoscenze che rientrano in questa cornice: figli e figlie che accudiscono genitori ormai anziani, mamme e papà che dedicano tempo ed energie a figli affetti da patologie gravi, nipoti che si fanno carico di nonni non più in grado di badare a sé stessi. E l’elenco potrebbe continuare. Solo in Italia, infatti, si stima che ci siano oltre 3 milioni di caregiver familiari, a cui si aggiungono tutti coloro che della cura altrui hanno fatto un mestiere (caregiver professionali).

Le giornate dei caregiver familiari

I caregiver, quindi, svolgono un ruolo fondamentale e insostituibile. Una centralità che però spesso non si accompagna ad una considerazione altrettanto forte. I caregiver familiari, infatti, in molte circostanze sono “invisibili”, dati quasi per scontati. È così che le loro fatiche e i loro problemi finiscono per essere sottovalutati, sia dal settore pubblico, che non li affianca con il necessario sostegno, sia dalle persone che li circondano, che non ascoltano eventuali richieste di aiuto (come il diffuso e pericoloso stress del caregiver). Per questa ragione, appare urgente fare un lavoro di sensibilizzazione delle autorità e dell’opinione pubblica affinché si dia il giusto riconoscimento a queste figure cardine della società. Ed è proprio con questo intento che è nata e si è sviluppata l’iniziativa dei Caregiver Day, giorni interamente dedicati alla riflessione e alla divulgazione sui temi connessi con la figura del caregiver.

Malati terminali, meglio a casa o in hospice?

Caregiver day 2023, tutti gli appuntamenti

L’edizione 2024 del Caregiver Day è in programma dal 4 al 30 maggio e prevede 8 incontri, che possono essere eseguiti sia in presenza che online:

  • 4 maggio | Benessere per il caregiver – dalle 10 alle 12 presso Riserva naturale Laghi Curiel – Campogalliano (MO)
  • 9 maggio | Riconoscimento e sostegno ai caregiver familiari a 10 anni dall’approvazione della legge dell’Emilia Romagna – dalle 15 alle 17 online
  • 11 maggio | Il valore della cura – presso Biblioteca Campori, Piazza Fratelli Sassi 2 – Soliera (MO)
  • 16 maggio | Progettare insieme azioni di comunità a sostegno dei giovani caregiver – a Carpi (MO)
  • 18 maggio | Co-progettare le risposte ai bisogni: world cafè – dalle 10 alle 12 presso Polo Artistico Culturale (PAC), Viale G. di Vittorio, 30 – Novi di Modena (MO)
  • 23 maggio | Sostenere la sfida della cronicità e della non autosufficienza – dalle 15 alle 17 online
  • 25 maggio | Quattro chiacchiere tra di noi – dalle 15 alle 17 presso Nonno Pep – Gastropub, Corso Cabassi 35/37 – Carpi (MO)
  • 30 maggio | Verso una comunità che include e sostiene le persone assistite e i loro caregiver – dalle 15 alle 17,30 presso Casa della Comunità – Viale B. Peruzzi

Scarica il programma dettagliato